Più di mille anni di storia (microstoria?) di Peschiera Maraglio, indagata come s’interroga un reperto archeologico. Dai primi documenti della Piscaria insulae curtis, così definita per l’attività dei suoi abitanti: - pescatori, fabbricanti di reti, contadini -, fino ai giorni nostri.

Storia sillabata analizzando una realtà viva, custode di un ricco patrimonio di fede e di cultura. Storia di lago, di uomini, di pietre, di documenti che esaminati con pazienza portano di colpo alla luce scene di vita celate da secoli di oblio.

Una Storia per capire quanto fossero sentiti nella popolazione il senso della proprietà e il concetto dell’“avere” per una mentalità isolana che per secoli (per non dire millenni) si è vista protagonista nel contendere un palmo di terra contro elementi esterni, in questo caso il lago, ma anche contro le varie calamità naturali quali pestilenze, incendi. Per non parlare delle liti fra pescatori “ricchi” e pescatori “poveri”!

Storia scandita sui tre elementi principali del cammino dell’uomo, da secoli custoditi in polverosi archivi: la nascita, il matrimonio, la morte, dai quali escono spaccati di vita come il lavoro, la fede, l’analisi dell’economia isolana del tempo, che stanno a dimostrare la dura fatica di una popolazione che da sempre guarda al futuro. 

Una storia per comprendere, in ciò che vediamo, chi siamo.

Saluti di
Fiorello Turla, sindaco di Monte Isola.

Moderatore
Erica Turla, presidente Ass. Culturale Giovane Isola

Intervengono
Mons. Osvaldo Mingotti, presidente Istituto di Cultura “G. De Luca”
Dott. Angelo Onger, giornalista
Prof. Gianfranco Grasselli, storico
Sarà presente l’Autore


Scarica l'invitoScarica la locandinaScarica il comunicato stampa


#
#
#
#
#
#

Caricamento della conversazione